Balla coi lupi, recensione

di Pietro Ferraro 7

 1863 in piena guerra di secessione americana il tenente della cavalleria nordista John Dumbar (Kevin Costner) compie un atto eroico al limite del suicidio, e per questo gli viene concesso di raggiungere un isolato avamposto di frontiera insieme al suo cavallo Sisko, al suo arrivo Dumbar troverà solo cadaveri e alcune tribù di pellerossa che abitano la zona.

Dumbar deciderà comunque di restare, mentre il suo accompagnatore verrà ucciso da alcuni pellerossa Pawnee durante il viaggio di ritorno, questi ultimi renderanno alquanto movimentato il soggiorno del soldato cercando più volte di assalire l’avamposto per rubargli il cavallo nonchè armi e viveri.

Dumbar ben presto farà anche la conoscenza di alcuni Sioux, stringerà con loro amicizia grazie all’aiuto di una donna bianca che vive con loro, il soldato riuscirà lentamente ad integrarsi, tanto da partecipare ad una caccia al bisonte, sposarsi e meritarsi il nome indiano di Balla coi lupi, ma la guerra è vicina e presto sua moglie e i suoi nuovi amici saranno in grave pericolo.

Kevin Costner nella doppia veste di regista e protagonista ci racconta la frontiera americana dalla parte degli indiani e lo fa con un interpretazione sommessa ed efficace che ci racconta di un genere, il western, che ha ancora qualcosa da raccontare e che dopo l’exploit dei sette premi Oscar rastrellati da Costner, avrà una seconda giovinezza per poi, finita la nostalgica euforia commerciale, tornare materia da appassionati.

Il West di Costner è epico e a misura d’uomo, un uomo che si adatta alla natura, che non cerca di sovrastarla, ma la rispetta, lezione che il popolo pellerossa da al  protagonista donandogli pace e un nuovo equilibrio interiore, anche se ben presto la dura realtà della guerra e dell’invasione torneranno a ricordargli la sua vecchia vita.

Maestoso, intenso, commovente e senza la retorica revisionista e compiaciuta di prodotti analoghi, Balla coi lupi si guadagna un posto d’onore nel genere non sfigurando affatto in un inevitabile confronto con i grandi maestri di sempre.

Commenti (7)

  1. Con Piccolo grande uomo ha ridefinito il genere. A me non piace abbastanza, ma merita senz’altro una visione.
    Sai anche tu quante nomination agli Oscar ha preso…
    Sei ufficialmente invitato a votare al Torneo degli Oscar, in cui si danno i premi di “denoaltri” blogger, con le candidature dell’Academy ma anche altre categorie.
    Il link è questo:
    http://iltorneodeglioscar.blogspot.com/2009/11/1991.html
    Se vuoi solo dare i voti per questo film, e non partecipare al resto delle votazioni, puoi darmi l’ok commentando qui.

  2. @ Gegio:
    Grazie del commento, si partecipo volentieri all’iniziativa, mi fa piacere dare la mia opinione sulle candidature, un saluto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>