Alla ricerca di Nemo, recensione

di Pietro Ferraro 4

Il pesce pagliaccio Marlin ha alle spalle un trauma difficle da superare, la sua prole e la sua compagna sono stati divorati da un barracuda, tranne il piccolo Nemo, unico figlio sopravvissuto su cui Marlin riversa tutte le sue fobie e insicurezze latenti, diventando un padre iperprotettivo e soffocante.

Nemo oltre al padre ha anche un problema ad una pinna, le due cose sommate fanno del suo quotidiano e del confronto con i suoi compagni di scuola ed amici un continuo problema, così un bel giorno il disagio si palesa con un atto di ribellione verso il padre che porterà Nemo a commettere un’imprudenza e ad essere catturato da un sub.

Inizierà cosi per Marlin una lunga e perigliosa ricerca che lo porterà ad affrontare una vera e propria odissea sottomarina, incontrando strambi e simpatici amici, schivando al contempo pericolosi predatori, superando così le sue paure con il solo scopo di recuperare il figlioletto, finito nel frattempo nell’acquario di un dentista.

Uno dei maggiori incassi di sempre dell’accoppiata Disney-Pixar, nonchè premio  Oscar come miglior film d’animazione nel 2004, insomma credenziali mica da ridere per un cartoon, ma Alla ricerca di Nemo rappresenta qualcosa di più, è l’incarnazione su grande schermo della simbiosi perfetta di contenuti e qualità firmati Disney e tecnologia e caratterizzazioni targate Pixar.

Perchè se la storia del viaggio è perfetta per raccontarci e mostrarci un mondo sottomarino popolato da una spassosa fauna antropomorfa, la Pixar qui sfoggia la sua miglior tecnica, nel film abbiamo le migliori location generate al computer mai viste su schermo ed una serie di effetti e trasparenze luce-acqua che rappresentano un raro connubio di bellezza e realismo.

Quindi ricapitolando spassose caratterizzazioni,  splendide ed immersive location virtuali, una storia semplice, ma non troppo che divertirà i piu piccini con sfumature e dinamiche che non annoieranno il pubblico più adulto, insomma sembra che siamo di fronte ad uno dei vertici dell’animazione di sempre con risultati al botteghino e riconoscimenti che sono solo un’ulteriore conferma dell’ottimo lavoro svolto.

Commenti (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>