Taylor Lautner: licantropi, tv e arti marziali

di Pietro Ferraro 1

Dopo qualche rumors che lo vedeva sostituito per il ruolo del licantropo Jacob Black nientemeno che dal Power Ranger Michael Copon, Lautner si è lanciato in un corso intensivo in palestra che gli ha permesso di tirar su un gran fisico e riacciuffare l’occasione per mostrare il suo talento nel sequel New Moon, con una parte decisamente più corposa del precedente Twilight.

Taylor Daniel Lautner nasce a Grand Rapids in Michigan l’11 febbraio del 1992, l’attore, che tra i suoi discendenti vede anche la tribù di nativi americani Potawatomi, ha un fulgido passato da atleta, tre volte medaglia d’oro di karate, arte marziale che Lautner studia dall’età di sei anni e che a soli tredici lo ha visto in vetta alle classifiche juniores.

Dopo che a sette anni non supera un provino per uno spot di una famosa catena di fast food, i genitori intuite comunque le potenzialità del figlio si trasferiranno a Los Angeles dove Taylor esordirà nel 2001 nell’action Shadow Fury al fianco di Noriyuki Pat Morita, il maestro Miyagi di Karate Kid, cui farà seguito nel 2004 un ruolo nel serial Summerland.

Seguiranno altre partecipazioni televisive, tra queste un episodio nella sit-com Tutto in famiglia con Damon Wayans, poi alcuni ruoli come doppiatore di cartoon e l’incontro nel 2005 con il regista Robert Rodriguez che lo vuole nel ruolo di Sharkboy nel suo film per ragazzi Le avventure di Sharkboy e Lavagirl in 3D, in cui l’attore interpreta anche il brano della colonna sonora Dream, Dream, Dream.

Dopo un altro periodo di lavoro come doppiatore per serie tv d’animazione, la svolta nel 2007 con il ruolo di Jacob Black, il nativo americano della tribù di licantropi nel film Twilight, l’anno dopo l’attore compare nel videoclip musicale Caught up in you della cantante e attrice australiana Cassi Thomson.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>