Nauta, recensione

Bruno (David Coco) è un antropologo e professore universitario che in cerca di una leggendaria fonte di consapevolezza interiore che rappresenta il culmine dell’armonia tra uomo e natura, vera e propria manifestazione trascendentale all’insegna della filosofia orientale, si lancia in una spedizione di ricerca che lo porterà su un’isola nel mezzo del Mediterraneo dove un suo vecchio amico dice di aver assistito proprio al leggendario fenomeno in questione.

Bruno dopo aver reclutato Davide (Luca Ward) un suo vecchio amico esperto marinaio con tanto di imbarcazione a vela, porterà con se una biologa con problemi di droga raccomandata da un politico, che rappresenta una delle clausole imposte affinchè vengano erogati i fondi per la spedizione ed un esperto in immersioni, al team si unirà anche un aspirante capitano, già a bordo della barca di Davide per fare esperienza. Approdati finalmente sull’isola dopo un lungo viaggio, Bruno e il suo team scopriranno cosa ha riservato ad ognuno di loro l’isola e il destino.

The Code, recensione

L’esperto Keith Ripley (Morgan Freeman) veterano in furti d’alto profilo, dopo aver ucciso il suo socio russo è in cerca di una nuova spalla con cui condividere un furto di preziosi di notevole fattura custoditi in un’inespugnabile gioielleria.

La scelta cade sul talentuoso Gabriel Martin (Antonio Banderas), dopo averlo visto all’opera in un furto di diamanti Ripley prova a convincere Gabriel a partecipare al colpo, l’uomo è alquanto riluttante, ma dopo aver saputo che il bottino consisterà in due Uova Fabergè del valore di quaranta milioni di dollari, l’idea del colpo non sembrerà più così folle.

Nel mezzo di questa neo-alleanza si porranno la bella russa Alexandra Korolenko (Radha Mitchell) figlioccia di Ripley, che si innamorerà ricambiata di Gabriel mettendo in allerta l’iperprotettivo padrino e il tenente di polizia Weber (Robert Forster) che da anni cerca di incastrare senza successo Ripley.

Giffoni Film Festival 2010 sesta giornata, oggi Ambra Angiolini e l’anteprima di Sansone

Prosegue spedita la programmazione del Giffoni Film Festival che raccoglie consensi anche nel suo formato striscia televisiva condotta da Michela Coppa che pare abbia toccato quota tre milioni di spettatori.

Ieri incontro con le giurie per l’attore e doppiatore Luca Ward, voce di grandi star come Russell Crowe e Samuel L Jackson che ques’anno sarà ospite proprio al Giffoni. Ward non ha peli sulla lingua quando si tratta di parlare della situazione del cinema italiano definendolo una casta in cui lavorano sempre gli stessi attori.

Giffoni Film Festival 2010 quinta giornata: oggi I Cesaroni e Luca Ward

Quinta giornata al Giffoni Film Festival, ieri red carpet per Marco Brenno figlio di Michele Placido che sogna di lavorare con Kim Rossi Stuart e ha ringraziato la sorella Violante per i preziosi consigli e l’impegnatissimo Emilio Solfrizzi che alle giurie ha raccontato di essere al lavoro su tre fronti, la terza stagione della miniserie Tutti pazzi per amore finalmente in cantiere nonostante qualche difficoltà di budget, il film corale Femmine contro maschi in sala a febbraio e una pellicola da protagonista dal titolo provvisorio Se sei così, ti dico sì che lo vedrà accanto a Belen Rodriguez.

Ed ora vediamo cosa ci propone il cartellone dei film in concorso, apre le danze in mattinata il corto animato tutto italiano Gamba Trista di Francesco Filippi, uno sguardo sulla diversità e il mondo dei bambini che precederà la pellicola tedesca Here comes Lola! di Franziska Buch, sogni da popstar per una ragazzina di nove anni in cerca di un’amica del cuore.

Piazza Giochi, fotogallery e trama del film con Luca Ward e Andrea Montovoli

Piazza Giochi

Venerdì uscirà in cinquanta di sale Piazza Giochi il film diretto dal trentaduenne Marco Costa, prodotto e distribuito dall’Ellemme Group, con Luca Ward, Susanna Smit, Cecilia Albertini, Laura Adriani, Lorenzo De Angelis e Andrea Montovoli.

La commedia giovanilistica, costata 1,5 milioni di euro, racconta la storia di Cassandra, una sedicenne costretta a ricongiungersi con papà Luciano, un facoltoso palazzinaro romano, dopo che la mamma hippie, Valentina, è finita in coma. Attraverso gli occhi di Cassandra, impegnata in un triangolo amoroso con Nico e Romano, conosceremo la gioventù viziata che frequenta le zone di Piazza dei Giochi Delfici e Roma Nord.

Il regista spiega (fonte Cincecitta.com):