Il gioiellino, Andrea Molaioli racconta il crack Parmalat

A marzo uscirà nei cinema italiani Il gioiellino, il drammatico di Andrea Molaioli, che racconta il caso Parmalat, quello che ha portato la società al crac, un buco di 14 miliardi e 100mila risparmiatori frodati.

Il film, attualmente in fase di montaggio, è interpretato da Toni Servillo (nel ruolo di Fausto Tonna che qui si chiamerà Ernesto Botta), da Remo Girone (nei panni del braccio destro dell’ex Signore del Latte Amanzio Rastelli) e Sarah Felberbaum.

Il regista racconta a Il giornale:

Servillo è perfetto per il ruolo. Mi sono liberamente ispirati ai fatti di Collecchio, ma qualsiasi sviluppo avrà la vicenda Parmalat, non inciderà sulla mia visione delle cose. Il mio non è un film di denuncia alla Michael Moore: non giudico, ma racconto, senza manicheismi, un’azienda che va in malora, guardandola con gli occhi dei suoi personaggi. Mentre i vertici escogitano trucchi complessi per farla apparire florida. Un meccanismo sciagurato che richiede la faccia tosta e nervi d’acciaio. Lo stesso sistema che vale anche per le casse dello Stato, tanto l’impunità è garantita.

Il film, costato 5,4 milioni di euro (1,65 milioni stanziati dal Ministero per i beni culturali che l’ha riconosciuto di interesse culturale), è prodotto da Indigo Film, con Rai Cinema e Babe Film.

2 commenti su “Il gioiellino, Andrea Molaioli racconta il crack Parmalat”

  1. e se ci fosse altro ……

    ad esempio se in quel periodo avessero anche taroccato volutamente le fatture “documenti alla mano” di vendita alle latterie e piccoli negozi ????

    Dalle mie ricerche non ancora finite mi risulta che nel periodo 2004 al 2008 le fatture venivano centralizzate a Parma misteriosamente erano in gran parte errate ai danni dei commercianti prezzi più alti del 30% o sconti contrattuali uno si due no per meglio capire es: lo yogurt ha divesi gusti con lo stesso prezzo su una fattura lo sconto veniva aplicato sulla fragola bosco caffè su altri sconto saltato su quella dopo saltavano i precedenti e aplicavano su altri es albicocca macedonia ciliegia ecc oppure su nessuno o una volta tanto su tutti
    questo fa si che RICADEVA SUL CONSUMATORE FINALE cosi prima legnato in banca poi sulla TAVOLA però bevendo un buon bicchiere di latte fresco o ….
    R.R.
    SE VOLETE CONTATTARMI
    via e-mail sarò ben lieto da condividere questi documenti e aggiornarvi

    Rispondi

Lascia un commento