2 cavalieri a Londra, recensione

di Pietro Ferraro 7

1887 West americano, sei anni dopo che il prode cinese esperto di arti marziali Chon Wang (Jackie Chan), con l’aiuto dell’amico fanfarone Roy O’Bannon (Owen Wilson), ha salvato principessa e tesoro reale dalle grinfie di alcuni rapitori senza scrupoli, la vita sembra tornata a scorrere tranquilla, ma i guai non sono affatto finiti, perchè qualcuno uccide il padre di Wang e ruba dal palazzo reale un prezioso sigillo.

Saputa la notizia dell’assassinio del padre e bisognoso di soldi, Wang decide di raggiungere il suo amico Roy a New York dove quest’ultimo fa la bella vita dilapidando senza remore anche i risparmi che lui ingenuamente gli aveva affidato. Scoperta la situazione Wang non fa neanche in tempo ad arrabbiarsi che si trova nuovamente in fuga con la polizia alle calcagna.

I due raggiungeranno incolumi Londra e tra scazzottate, spettacolari combattimenti  ed esilaranti gag, si ritroveranno a scoprire e sventare un complotto ordito da un lord inglese, intenzionato nientemeno che ha usurpare la corona inglese, e tra un inseguimento e l’altro faranno anche la conoscenza di Charlie Chaplin, Sir Arthur Conan Doyle in piena crisi creativa e si imbatteranno accidentalmente anche nel famigerato Jack lo squartatore.

Il regista David Dobkin si lascia guidare dall’esperienza di regista e coreografo di Jackie Chan, è palese l’ impronta visiva dell’attore e regista cinese in questo sequel, tutto è fumettoso, la violenza cartoonizzata alla Bud spencer e Terence Hill e la strana coppia funziona oltremodo, anche se storia e ambientazione sono meno efficaci e suggestive del precedente Pallottole cinesi.

2 cavalieri a Londra comunque funziona a dovere, il film è divertente,  mai volgare e con uno stile palesemente indirizzato ad un target di famiglie, bambini compresi, come è nello stile di molte delle recenti produzioni del clownesco Jackie Chan. Forse questa rutilante sequel ha la sola pecca di mettere visivamente troppa carne al fuoco e quindi il film risulta forse troppo carico e, a volte, un tantinello confusionario, ma non per questo meno coinvolgente..

Commenti (7)

  1. Carino da vedere in famiglia, con attori in forma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>