10 film in lingua antica o sconosciuta

di Pietro Ferraro 9

Oggi ci occupiamo di alcune pellicole che hanno la duplice peculiarità di utilizzare lingue antiche, e quindi completamente sottotitolate, e altre create ad arte da esperti linguisti miscelando fonetica e grammatica di svariati linguaggi realmente esistenti.

Per comporre la nostra classifica utilizzeremo pellicole che fruiscono di linguaggi antichi e reali, come il latino di The Passion o il Maya di Apocalypto, e linguaggi alieni o arcaici creati ad hoc come  il Na’vi di Avatar o la lingua elfica de Il signore degli anelli.

1- THE PASSION/LA PASSIONE DI CRISTO di Mel Gibson ( USA 2004)

Il film completamente sottotitolato utilizza due lingue, il latino e l’aramaico, per quest’ultimo Gibson affida l’adattamento dello script al prete gesuita statunitense William Fulco che ricostruisce l’antico e semisconosciuto  linguaggio miscelando siriaco ed ebraico con elementi contenutn nel Libro di Daniele.

2-L’UOMO CHE VERRA’ di Giorgio Diritti (Italia, 2009)

Il coraggioso film di Diritti che racconta l’eccidio nazista di Marzabotto è completamente recitato in dialetto bolognese antico, varietà della lingua emiliano-romagnola parlato principalmente nella provincia di Bologna che in alcune frazioni si miscela con il ferrarese.

3-APOCALYPTO di Mel Gibson (USA 2006)

Anche questo film è completamente sottotitolato, Il titolo ha origine da una parola greca che significa rivelare, gli attori tutti esordienti e alcuni nativi della zona della penisola messicana dello Yucatan nel film si esprimono in Maya-Yucateco, la lingua di origine maya più parlata e studiata.

4-IL SIGNORE DEGLI ANELLI-LA TRILOGIA di Peter Jackson (Nuova Zelanda/USA 2001-2003)

L’autore della trilogia, il linguista e scrittore JRR Tolkien creò per la sua monumentale opera diversi linguaggi per gli abitanti de La Terra di Mezzo, per l’occasione creò anche l’affascinante lingua elfica dandole addirittura ben undici differenti variazioni, l’elfico è un vero e proprio linguaggio scritto e parlato con accenti, fonemi e dotato un vocabolario completo.

5-IL NOME DELLA ROSA di Jean-Jacques Annaud (Germania/Italia/Francia 1986)

Il film tratto dall’omonimo romanzo di Umberto Eco, presenta stralci di parlato in latino, nonchè una lingua creata ad hoc mix di latino e volgare per il personaggio del monaco deforme Salvatore interpretato da Ron Perlman.

6-AVATAR di James Cameron (USA, 2009)

la creazione della lingua dei nativi di Pandora il Na’vi fu affidata al linguista Paul Frommer che sembra abbia utilizzato un melange di fonemi di varia provenienza per dare vita al linguaggio alieno che ad oggi conta circa mille termini.

7-STAR TREK 2-L’IRA DI KHAN di Nicholas Meyer (USA, 1982)

Per i temibili guerrieri Klingon il linguista Marc Okrand esperto di nativi americani crea un lingua aliena ad hoc, parlata da molti cultori di Star Trek e con tanto di dizionario pubblicato.

8-L’ARMATA BRANCALEONE di Mario Monicelli (Italia, 1966)

Il vero colpo di genio di questa spassosa commedia in costume, è un esilarante idioma italico creato miscelando latino maccheronico, lingua volgare medioevale e una miscellanea di dialetti vari, con risultati memorabili.

9-ARANCIA MECCANICA di Stanley Kubrick (Gran Bretagna, 1971)

Lo scrittore Anthony Burgess inventa il Nadsat riproposto fedelmente da Kubrick nella pellicola, slang inglese con numerose influenze russe, anche qui mini-vocabolario e memorabile adattamento italiano.

10-LA GUERRA DEL FUOCO di Jean-Jacques Annaud (Francia/Canada, 1981)

Annaud ci mostra le nostre ataviche origini e per l’occasione decide di servirsi di  un linguaggio arcaico fatto di gesti e suoni gutturali, e si affida così pr il linguaggio all’autore di Arancia Meccanica Anthony Burgess che ha inventato lo slang dei famigerati Drughi, e all’etologo Desmond Morris per la parte gestuale, nascerà così l’Ulam.

Commenti (9)

  1. Caro Pietro,
    mi dispiace riprenderti sottolineando che manca lo splendido film “il quarto tipo”, con l’alieno gufo e la possessione in aramaico …. ah eh uh got iz … 🙂

  2. @ Ipercritico:
    Il sumero parlato dal gufo rapito dagli alieni ipnotizzati dalla dottoressa posseduta dal Dio alieno? Diciamo che lo tengo da parte per una prossima classifica 🙂

  3. Penso di intuire in quale classifica troverà posto un prodotto così eclettico … 🙂 … comunque l’Armata Brancaleone è veramente un capolavoro, averne oggi di film così …
    Ip

  4. Manca sicuramente in classifica “L’albero degli zoccoli” di Olmi, in perfetto dialetto bergamasco…
    Piccola nota: il Klingom non è stato creato per Star Trek 2, ma precedentemente per la serie tv. E talmente diffuso tra i fan che esiste anche una versione di Google in questa lingua: http://www.google.com/intl/xx-klingon/

  5. @ Pjt:
    Sia lodato Pjt! Ottime osservazioni in particolare quella sul Klingom! Voglio fare un corso!

  6. @ Diego Odello:
    @ Pjt:
    Ciao Pjt grazie per la doverosa segnalazione sull’Albero degli zoccoli, per quanto riguarda la lingua Klingon ti devo contraddire perchè non è stata creata per la serie tv, ma compare la prima volta solo nel 1979 grazie a James Doohan alias Scotty nel primo capitolo cinematografico della serie, Star Trek il film, poi negli anni successivi viene interpellato da Gene Roddenberry, il papà di Star trek, anche il linguista Marc Okrand che insieme a Doohan svilupperà un vero vocabolario con tanto di espressioni. Ho scelto Star Trek II solo come punto di riferimento cinematografico e se vogliamo dirla tutta avrei dovuto prediligere il terzo capitolo, Alla ricerca di Spock dove il vocabolario dei klingon viene sfruttato per la prima volta nella sua interezza. grazie del commento e un saluto 🙂

  7. @ Pjt:
    Direi che considerare il bergamasco una lingua antica o sconosciuta sia un pò eccessivo, sinceramente non conoscendo il film non mi esprimo, ma non vedrei mai un film interamente in bergamasco … Mi sembra evidente che Apocalypto è una cosa, l’Albero degli zoccoli un’altra, potremmo dire due mondi diversi…
    Ma chi sono i Klingom ??? Occhio con i refusi, i Trekkisti potrebbero scatenare bordate di siluri fotonici 🙂
    Ip

  8. Sto guardando il film “The Eagle” (2011). E’ambientato in Scozia nel 140 d.C., ci sono lunghe sequenze sottotitolate in italiano dove gli attori che interpretano gli indigeni parlano una lingua antica (forse antico gaelico). Qualcuno può confermare ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>