Toy Story 3 omofobo e sessista per Ms

di Diego Odello 1

Ken - Barbie Toy Story 3

Toy Story 3 La grande fuga, primo ai botteghini americani con 226 milioni di dollari incassati, apprezzato dal pubblico e dalla critica, viene attaccato da Natalie Wilson su Ms Magazine che accusa il film di essere sessista e omofobo.

SESSISTA: i protagonisti del film sono in prevalenza maschili (il rapporto è di sette a uno) e le poche figure femminili rappresentate sono tutte descritte negativamente, poco divertenti e stereotipate: la madre è fastidiosa (considera i giocattoli spazzatura), Barbie è ipersensibile e iperfemminile (nonché traditrice perché punta ad andare a vivere con Ken nella sua casa da sogno), il polipo doppiato da Whoopi Goldberg ha poco da dire.

OMOFOBO: Ken è presentato come un fashionista gay represso ed è continuamente oggetto delle battute degli altri personaggi. Il messaggio che passa è che la cosa peggiore che possa capitare ad un ragazzo sia di essere omosessuale e il suggerimento che ne nasce e di giocare a fare l’eterosessuale e ridere dell’omosessualità o di deridere gli altri.

Ognuno può pensarla come vuole, ma credo ch questa visione sia un po’ esagerata: credo che sia ovvio che se il protagonista è un ragazzino i suoi giocattoli saranno prevalentemente maschili e che scherzare su Ken non vuol dire voler prendere in giro gli omosessuali.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>