Unfriended, recensione in anteprima

di Felice Catozzi Commenta

Durante una video chat su Skype, sei amici liceali ricevono un messaggio da una compagna di classe suicidatasi un anno prima. Sembra un scherzo, ma poi... Si scopre la terrificante verità.

Unfriended parte dalla morte di Laura Barnes, un anno dopo Blaire i suoi amici si sentono su Skype e vengono importunati da un contatto che non riescono a estromettere dalla loro video conversazione: ben presto i sei liceali ex compagni di scuola di Laura iniziano a ricordare che è il giorno della ricorrenza dal suicidio della ragazza e, tramite contatti via mail, Facebook e messaggi sulla chat di Skype, apprendono di essere entrati in contatto con qualcosa di rancoroso nei loro confronti.

Unfriended_Locandina Italiana

La Morte adesso videochiama e posta sui social network

Laura Barnes si è suicidiata un anno fa a causa di un video pubblicato su Youtube, che l’ha messa in ridicolo a tal punto da spingerla a farla finita; dopo dodici mesi dalla tragedia, solo la giovane Blaire ricorda di questo evento e guarda il video ancora online che ridicolizza Laura. Quando viene contattata dal suo ragazzo, sembra lasciare alle spalle la malinconia e si lascia coinvolgere finquando i due giovani non vengono interrotti dall’ingresso in video chat di altri loro quattro compagni di scuola. Oltre a loro sei, nella conversazione di gruppo appare anche un contatto, che inizialmente pare voler fare loro uno scherzo spacciandosi per Laura e poi si palesa sempre più l’ipotesi che la ragazza sia tornata per vendicarsi di coloro che l’hanno infangata e messa in ridicolo pubblicamente.

Il Giudizio del CineManiaco

Unfriended è il primo film di Levan Gabriadze completamente girato in screencasting, ossia sfruttando l’inquadratura con lo schermo di un computer, con la durata della storia uguale a quella del film, con un finto pianosequenza, i flashback veicolati tramite video postati online. Nonostante il confezionamento di un film che potrebbe sembrare per giovani, la trama segue dinamiche classiche e con un senso di aspettativa che non fa saltare sulla sedia (se non per il fatto che gli effetti audio vengono sparati e spaccano i timpani), anche se viene incorporato un messaggio sociale che rende di Unfriended un titolo che vale la pena di vedere e divertirsi anche soltanto per il momento in cui la protagonista chiede aiuto contattando random utenti di Chat Roulett. E abbiamo detto tutto.

Voto 5.5

Scheda Film

USCITA CINEMA: 18/06/2015
GENERE: Thriller
REGIA: Levan Gabriadze
SCENEGGIATURA: Nelson Greaves
CAST: Heather Sossaman, Matthew Bohrer, Renee Olstead, Shelley Hennig, William Peltz, Jacob Wysocki, Courtney Halverson

Trailer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>