True Justice-La vendetta, recensione

di Pietro Ferraro 1

La squadra di poliziotti sotto copertura guidata dal veterano Elija Kane (Steven Seagal) si trova di nuovo per le mani un doppio caso scottante e dopo mafia russa e droga del primo episodio dal titolo True Justice-Incrocio mortale, ora è il turno di uno spietato serial-killer che predilige le bionde che lavorano come ballerine e una gang di motocliclisti alla Sons of Anarchy che contrabbandano armi. Per quanto riguarda l’omicida seriale da notare il suo peculiare ed inquietante modus operandi e la propensione per la magia nera e in particolare quella legata al folklore cinese. Tutte le sue vittime vengono strangolate post mortem ed esposte come trofei, la cosa che attirerà l’attenzione di Kane è l’incredibile somiglianza con le ragazze assassinate della nuova arrivata Sarah (Sarah Lind).

Nuovo episodio per la serie True Justice scritta e prodotta da Steven Seagal, composta in origine da 13 episodi che in Italia sono stati raccolti in 6 film tv da 90 minuti cadauno. Il plot di questo True Justice-La vendetta, che ricordiamo somma gli episodi Dark Vengeance Part 1 & 2, stavolta è decisamente più coinvolgente grazie allo psicopatico omicida seriale di turno e un pizzico di occulto che rende la trama più intrigante. Naturalmente immancabili le scazzottate a base di Akido di Seagal che anche stavolta regalerà ai fan una serie di ossa fratturate e criminali pesti e il resto lo fa la regia di Keoni Waxman, che come nel pilot funziona a dovere e permette al regista di confezionare un altro discreto prodotto per il piccolo schermo.

Note di produzione: nell’episodio nei panni di un patologo legale appare il veterano George Takei, l’Hikaru Sulu della serie classica e dei film di Star Trek. In questo secondo film l’eclettico Seagal si esibisce anche in una jam session imbracciando una chitarra elettrica.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>