Satellite Awards 2010, nomination: Inception candidato a 11 premi, precede 127 Hours e The Social Network

Sono state annunciate le nomination dei Satellite Awards 2010, premi assegnati dalla stampa internazionale: nelle ventidue categorie riservate al cinema ha dominato Inception, che si è portato a casa undici candidature, due in più di 127 Hours secondo con nove nomination. A seguire The Social Network con sette, The King’s Speech con sei, Alice in Wonderland e Black Swan, The Town, The Kids are all right e Unstoppable con cinque. Io sono l’amore, infine, proverà a vincere il premio per il miglior film straniero.

Prima di lasciarvi alla lista delle principali nomination vi ricordo che i premi saranno assegnati a Century City in California il 19 dicembre e che potete trovare la lista dei candidati televisivi visitando Serietivu.

Independent Spirit Awards 2011, nomination: Winter’s Bone candidato a sette premi

Sono stati annunciati i candidati alla vittoria agli Independent Spirit Awards 2011, i premi dedicati ai film costati meno di 20 milioni di dollari. A dominare in fase di nomination è Winter’s Bone, che ottiene sette candidature e supera rivali più accreditati quali Black Swan, fermo a quota quattro con Rabbit Hole e Greenberg e e 127 Hours (in lizza per il miglior film, la miglior regia e il migliore attore protagonista).

Dopo il salto potete leggere la lista completa dei nominati. La cerimonia di premiazione si terrà il 26 febbraio.

Festival di Roma 2010, programma

E’ stato annunciato il programma del Festival Internazionale del Film di Roma: ai preannunciati Rabbit Hole di John Cameron Mitchell e Last Night di Massy Tadjedin, si sono aggiunti Oranges and Sunshine, Burke and Hare, The Kids Are All Right (con Julianne Moore che ritirerà l’Acting Award), Let Me In, In a better world e Animal Kingdom.

Ancora: ci sarà un evento speciale per The Social Network di David Fincher, 20 minuti in anteprima mondiale di Dylan Dog, una interessante retrospettiva dedicata allo Studio Ghibli (compreso l’atteso The Borrower Arrietty), la proiezione de La dolce vita restaurata, un omaggio ad Ugo Tognazzi e la proiezione del pilot della serie diretta da Martin Scorsese, Boardwalk Empire.

Tre le pellicole italiane in gara: La scuola è finita di Valerio Jalongo, con Valeria Golino; Una vita tranquilla di Claudio Cupellini con Toni Servillo; Io sono con te di Guido Chiesa. Proiezione speciale per Boris – Il film.

Dopo il salto potete trovare il programma completo.

Box Office 9-11 luglio 2010: Toy Story 3 e Cattivissimo Me subito in testa in Italia e USA

Cattivissimo Me

In Italia Toy Story 3- La grande fuga conquista subito la prima posizione battendo The Twilight Saga: Eclispe, capace comunque di superare il milione di euro. Negli States ottimo esordio per Cattivissimo me, buono per Predators, crolla L’ultimo dominatore dell’aria e Toy Story 3 è record per la Pixar.

La situazione italiana. Toy Story 3 esordisce bene arrivando a quota 3,9 milioni di euro in 5 giorni (2,38 solo nel weekend), ma non raggiunge i risultati previsti. Il vecchio leader Eclipse, scende in seconda pozione con 1,3 milioni e inizia a perdere terreno (1.791 € di media per sala non è una cifra molto esaltante). Nonostante tutto il terzo capitolo della saga non va male, raggiungendo 12 milioni totali, ma è nettamente sotto gli oltre 16 di New Moon. Gli altri titoli raccolgono le briciole: A-Team è terzo con 91mila euro (2,171 milioni totali), Poliziotti fuori è quarto con 57mila euro (431mila totali), Prince of Persia: Le sabbie del tempo è quinto con 37mila euro (6,671 totali) e supera Il segreto dei suoi occhi, sesto, per una manciata di euro.

La situazione americana. Negli States Cattivissimo me, nonostante avesse un migliaio di sale in meno ad Eclipse, grazie ai 17.295 $ di media per sala, vola in testa incassando oltre 60 milioni di dollari. Eclipse, secondo, in patria regge meglio e incassa 33,4 milioni che portano il totale a 237 milioni (456 in tutto il mondo) in linea con il secondo episodio. Predators con 25,3 milioni di dollari esordisce in terza posizione: dati i costi, 40 milioni, è probabile che la saga continui. In quarta posizione si trova Toy Story 3: il film d’animazione della Pixar con i 22 milioni di questa settimana supera i 340 complessi (340,2) e diventa il miglior titolo di sempre della Pixar negli States. In quinta posizione crolla L’ultimo dominatore dell’aria che guadagna solo 17,2 milioni (100,2 totali incassati contro i 150 spesi per produrlo). Altro: The Kids are all Right supera il mezzo milione di dollari, pur essendo distribuito in sole sette sale, grazie alla media (la più alta dell’anno) di 72mila dollari.

Andiamo a vedere la consueta tabella riassuntiva con i primi cinque posti della classifica settimanale italiana e di quella americana.

The kids are all right, trailer

E’ stato rilasciato il trailer di The kids are all right, la commedia gay, diretta da Lisa Cholodenko, con Julianne Moore, Annette Bening, Mark Ruffalo, Mia Wasikowska e Josh Hutcherson, che tanto è piaciuta al Sundance Film Festival e al Festival di Berlino dove ha partecipato nella sezione dedicata al cinema gay.

Qui sopra potete vedere il video del film che negli States uscirà a luglio e che racconta la storia di una coppia lesbica e dei loro due figli adolescenti che vogliono scoprire l’identità del loro padre biologico.

Festival di Berlino 2010, settimo giorno

386712672_a6fecaa84d

Ancora cinema e ancora Festival di Berlino quest’oggi, ma prima di passare al programma odierno qualche news direttamente dalla rassegna, sembra che Scorsese dopo l’accoglierza positiva del suo Shutter Island abbia già in mente due progetti, un nuovo gangster-movie e addirittura un remake del cult Taxi Driver, che pare potrebbe essere diretto da Lars Von Trier, e ancora reazioni per alcune sequenze shock nel film giapponese Caterpillar, in cui una moglie fa sesso con il marito mutilato di guerra e privo di arti.

Ed ora passiamo al programma odierno con le canoniche sei proiezioni e tre film da approfondire, iniziamo con la comedy fresca di Sundance The kids are all right di Lisa Cholodenko, la regista esplora le dinamiche di una famiglia alternativa formata da una coppia lesbo, con figli concepiti con l’ausilio di  una banca del seme. Tutto sembra filare liscio, almeno sino a quando uno dei figli della coppia non decide di contattare il padre/donatore, il quale porterà un bel pò di scompiglio nel sino a quel momento tranquillo menage familiare. Protagoniste della pellicola Annette Bening e Julianne Moore.