Box Office 22-24 ottobre 2010: Benvenuti al sud resiste in testa in Italia, Paranormal Activity 2 da record negli USA

Il verdetto dei box office italiani e americani è il seguente: Benvenuti al sud è primo per la quarta settimana consecutiva da noi, mentre Paranormal Activity 2 va subito in testa negli States con un risultato straordinario, 41,5 milioni di dollari, che gli consente di essere il miglior esordio di un horror nella storia del cinema americano.

La situazione italiana. Benvenuti al sud si porta a casa altri 2,78 milioni di euro (5.420 € di media a sala) e raggiunge quota 20,9 milioni totali (quindicesimo risultato di sempre tra gli incassi italiani secondo Cinetel). Alle sue spalle si conferma in seconda posizione Cattivissimo me, che raggranella altri 2,58 milioni di euro superando i 7 milioni totali. Le novità del weekend si mettono in coda dalla terza alla settima posizione, con il solo Step Up 3D, quinto con 735mila euro (6,1 milioni totali) ad interrompere la fila: Wall Street: il denaro non dorme mai è terzo con 1,106 milioni di euro (media buona, ma non esaltante di 3.415 € a sala), Paranormal Activity 2 è quarto con 1,102 milioni di euro (grazie alla terza media per sala di 4.409 €), Figli delle stelle è sesto con 563mila euro e Fair Game è settimo con 432mila euro. Gli altri: Uomini di Dio incassa 135mila euro (dodicesimo), Passione 52mila euro (diciassettesimo) e Seraphine 10600 euro (ventiduesimo).

La situazione americana. Paranormal Activity 2 come abbiamo detto è subito in testa con 41,5 milioni di dollari (il doppio rispetto al primo capitolo grazie ad una media per sala di 12.904$; 21,5 milioni nel resto del mondo). Alle sue spalle troviamo Jackass 3D che incassa altri 21,6 milioni di dollari (87,1 milioni totali), Red, terzo con 15 milioni di dollari (43,4 milioni totali), Hereafter, quarto (senza infamia e senza gloria) con 12 milioni di dollari, e The Social Network, quinto con 7,3 milioni di dollari (72,9 milioni totali).

Andiamo a vedere la consueta tabella riassuntiva con i primi cinque posti della classifica settimanale italiana e di quella americana.

Al cinema dal 22 ottobre: Fair Game, Figli delle stelle, In the Market, Paranormal Activity 2, Passione, Seraphine, Uomini di Dio, Wall Street: Il denaro non dorme mai

Questa settimana escono al cinema sette film, che difficilmente potranno impensierire i leader degli incassi al botteghino, ma che comunque potranno regalare emozioni agli spettatori paganti.

I film più attesi sono il drammatico americano Wall Street: Il denaro non dorme mai, la commedia italiana Figli delle stelle e l’horror Paranormal Activity 2. La sorpresa potrebbe essere il drammatico Fair Game, più per il cast attoriale (Naomi Watts e Sean Penn) per il tema impegnato e forse troppo di politica americana per il pubblico italiano. Gli altri, Uomini di Dio, La passione, Seraphine e In the market, anche a causa della scarsa distribuzione, dovranno aspirare a grandi medie per sala per riuscire a fare dei buoni risultati.

Dopo il salto come di consueto trovate le locandine, le sinossi e la lista dei protagonisti dei film che troverete da oggi in sala.

Séraphine, trailer italiano

Il 22 ottobre uscirà nei nostri cinema Séraphine, il drammatico francese diretto da Martin Provost, con Yolande Moreau, Ulrich Tukur, Anne Bennent, Geneviève Mnich, Nico Rogner, Adelaïde Leroux, Serge Larivière, Françoise Lebrun, Lena Breban, Corentin Lobet.

Il film, di cui oggi potete vedere il trailer italiano, racconta di Seraphine De Senlis, antesignana dell’arte Naif.

National Society Of Film Critics Awards 2010: stravince The Hurt Locker

The Hurt Locker

Sono stati comunicati i vincitori dei premi assegnati dalla National Society Of Film Critics ai migliori film del 2009.

Secondo i critici di Chicago il miglior film del 2009 è stato The Hurt Locker. La pellicola ha fatto incetta di premi portandosi a casa anche quello per il miglior regista, andato a Kathryn Bigelow e per il migliore attore, consegnato a Jeremy Renner. Il riconoscimento per il miglior film non straniero è finito a Summer Hours.

Di seguito potete vedere la lista dei premiati.

Cesar 2009, trionfa Seraphine, bene Nemico pubblico n.1, sconfitto ancora Gomorra

I trentaquattresimi Cesar, i riconoscimenti del cinema francese hanno un vincitore assoluto, il film Seraphine, di Martin Provost, che si è aggiudicato ben sette statuette tra cui quello per miglior film e quello per la migliore attrice protagonista (Yolande Moreau). Bene anche Nemico pubblico N.1, che vince tre premi (tra cui quello come miglior regista, assegnato a Jean Francois Richet, e quello per il migliore attore protagonista, finito a Vincent Cassel) e Le premier jour du reste de ta vie, che trionfa nelle categorie degli attori esordienti e nel montaggio.

Nella serata che vedeva un parterre ricco di stelle, da Monica Bellucci a Sean Penn, da Emma Thompson a Diane Kruger, ennesima amarezza per il cinema italiano: il film di Matteo Garrone, Gomorra, candidato come miglior film straniero, è stato battuto nuovamente dal film isreaeliano Valzer con Bashir, che si consola così dalla beffa ricevuta agli ultimi Oscar.

Andiamo a vedere tutti i vincitori divisi per categorie. Vi ricordo che se volete vedere chi erano i candidati ai Cesar 2009 non dovete fare altro che cliccare sul link.

César 2009, tutti i nominati. C’è anche Gomorra

Sono stati annunciati, nella serata di ieri, i nominati ai César 2009, i premi conferiti dall’Académie du art et techniques du cinéma ai migliori film dell’anno d’oltralpe.

Il film più nominato è Le premier jour du reste de ta vie, il film di Rémi Bezançon, in lizza per nove premi, che precede Racconto di Natale (otto nomination) e Ti amerò sempre (sei nomination). Nella sezione dei migliori film stranieri c’è anche Gomorra, che dovrà vedersela oltre che il consueto Valzer con Bashir anche con Into the Wild, Il petroliere, Two Lovers, Eldorado e Il matrimonio di Lorna.

Prima di vedere la lista di tutti i film in gara, divisi per sezioni, vi ricordo, che i premi verranno assegnati il 27 febbraio in una cerimonia, presentata dall’attrice di Charlotte Gainsbourg, che coronerà un anno eccezionale per il cinema francese cominciato con due Oscar a La vie en rose e uno a Le Mozart des Pickpockets, proseguito con una palma d’oro per La classe – Entre les murs (qui nominato per cinque premi) e il successo commerciale di Giù al nord e conclusosi con la candidatura dello stesso La classe agli Oscar 2009.