Non aprite quella porta 3D, prima clip e nuova immagine con Leatherface

di Pietro Ferraro Commenta

Lionsgate ha rilasciato una nuova clip e una nuova immagine ufficiale per il sequel-horror Non aprite quella porta 3D diretto da John Luessenhop. Alexandra Daddario è protagonista nei panni di Heather, una ragazza che eredita una casa in Texas, anche se lei non è a conoscenza della storia dietro questa tenuta legata alle vicende del serial-killer Leatherface.

Il cast del film, nelle sale dal 14 febbraio 2013, include anche Tania Raymonde, Dan Yeager e Scott Eastwood.

Non aprite quella porta 3D continua la storia leggendaria della famiglia omicida dei Sawyer, ripartendo da dove il classico horror del 1974 di Tobe Hooper aveva lasciato a Newt, in Texas, dove per decenni la gente è scomparsa senza lasciare traccia. La gente del paese ha sospettato a lungo che la famiglia Sawyer, proprietaria di un locale di barbecue, fosse in qualche modo responsabile. I loro sospetti sono stati infine confermati in un afoso giorno d’estate quando una giovane donna riuscì a sfuggire da casa Sawyer dopo il brutale assassinio dei suoi quattro amici. Chiacchiere intorno alla cittadina si diffusero rapidamente e una folla di gente del posto inferocita circondò la tenuta dei Sawyer, bruciandola e uccidendo ogni singolo membro della famiglia o almeno così pensavano.

Decenni più tardi a centinaia di chilometri di distanza dal massacro originale, una giovane donna di nome Heather scopre di aver ereditato una tenuta in Texas da una nonna che non ha mai conosciuto. Dopo aver iniziato un viaggio con gli amici per scoprire le proprie radici, scopre di essere l’unica proprietaria di un sontuoso e isolato palazzo vittoriano. Ma la sua ricca eredità ha un prezzo che Heather scoprirà quando s’imbatterà nell’orrore che l’attende nelle umide cantine della residenza…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>