Diario del desiderio, recensione in anteprima di The Rum Diary

di Pietro Ferraro Commenta

Siamo nel 1960, Paul Kemp (Johnny Depp) giornalista e scrittore newyorkese con una smodata passione per la bottiglia approda in quel di San Juan, Porto Rico con un lavoro in un quotidiano locale, il San Juan Star, che a dire il vero naviga in bruttissime acque. Il direttore Edward J. Lotterman (Richard Jenkins) affida a Kemp, che nel frattempo ha subito legato con il collega Paul Sala (Michael Rispoli), la rubrica degli oroscopi, ma presto Kemp riceverà una promozione e passerà alla cronaca nera grazie al licenziamento in tronco di Moberg (Giovanni Ribisi), un giornalista alcolizzato e dalla personalità borderline ormai bruciato dall’abuso di alcol e droghe. Durante il suo soggiorno sull’idiliaca isola Kemp perderà la testa per la fascinosa Chenault (Amber Heard), che è la donna dell’uomo più potente di Porto Rico, il ricco ed ambiguo affarista Hal Sanderson (Aaron Eckhart) che irretirà il giornalista dall’etica alla deriva con belle parole e la prospettiva di una vita di agi, ma quando le cose si metteranno male a Kemp non resterà che ripescare quel poco di giornalista sobrio che è rimasto in lui e denunciare un lucroso ed illegale affare immobiliare che Sanderson ha in ballo e che sta per devastare, inondandolo di cemento e turisti, uno dei pochi paradisi tropicali ancora incontaminati.

Johnny Depp torna a cimentarsi con un’altra opera dello scrittore e giornalista Hunter S. Thompson a quattordici anni da Paura e delirio a Las Vegas di Terry Gilliam. Se nel caso di Gilliam, l’estro goliardico all’insegna del facinoroso dell’ex-Monty Python trasformava l’opera di Thompson in un deformante trip all’insegna del grottesco ad oltranza, in questo caso accade l’esatto contrario e la lettura del regista Bruce Robinson, che ha anche curato la sceneggiatura fatica un po’ a star dietro alla graffiante controparte cartacea e alla surreale ferocia del linguaggio dell’autore e preferisce tratteggiarla con spirito costruendo un film molto hollywoodiano, senza dubbio godibile, ricco di humor e una gradevole punta di sarcasmo, confezionando però una pellicola morbida concepita in modo tale da poter essere fruita da un target di spettatori il più ampio possibile e che vada oltre i lettori e cultori delle opere del Dr. Gonzo.

The Rum Diary-Diario del desiderio nel suo complesso risulta amabile, fascinoso e a tratti davvero esilarante, Depp indossa il suo personaggio con ricercata nonchalance, non calca mai la mano e gioca di fino circondato da un cast di gran lusso tra cui spiccano, in postivo e negativo un allucinato Giovanni Ribisi, un’appannato Aaron Eckhart e una radiosa Amber Heard. Insomma tra sirene del Connecticut, galli da combattimento, oracoli ermafroditi e una Porto Rico ad alto tasso alcolico l’accoppiata Bruce Robinson/Johnny Depp diverte ed intrattiene con indubbia classe.

Nelle sale a partire dal 24 aprile 2012

Note di produzione: Il film, che è una sorta di ideale prequel di Paura e delirio a Las Vegas è stato co-prodotto da Johnny Depp con la sua Infinitum Nihil. Il regista, sceneggiatore e attore Bruce Robinsonche torna dietro la macchina da presa a diciannove anni dal suo Jennifer 8, ha raccontato al quotidiano britannico The Independent di essere stato un alcolista, aggiungendo che prima di lavorare a The Rum Diary era riuscito a restare completamente astemio per sei anni e mezzo, ma negli ultimi due anni ha ricominciato a bere un po’ di vino. “Il motivo per cui ho iniziato di nuovo è stato The Rum Diary“.

PER ASCOLTARE LA COLONNA SONORA DEL FILM CLICCATE QUI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>