Battleship, 13 anticipazioni e nuove immagini

di Redazione Commenta

Collider ha rilasciato un nuovo set di immagini e una serie di anticipazioni sul fantascientifico con invasione aliena Battleship, basato sulla licenza del famoso gioco da tavolo Battaglia Navale, diretto da Peter Berg e che vede tra i protagonisti il veterano Liam Neeson e al suo debutto su grande schermo la modella e cantante Rihanna. Dopo il salto trovate 13 anticipazioni sul film e in coda al post una galleria fotografica con 8 nuove immagini. (Battleship sarà nelle sale dal 20 aprile 2012)

1. Alex Hopper (Taylor Kitsch) ha due dilemmi principali nel film, ovviamente lui deve fare i conti con gli invasori alieni, ma deve anche ottenere la benedizione per il matrimonio dal padre di Sam (Brooklyn Decker), interpretato da Liam Neeson, che è anche il suo comandante. Inutile dire che Neeson non approva che la figlia frequenti un uomo con precedenti penali. La dinamica tra Kitsch e Neeson è stata stabilita per mezzo di una citazione da Omero.

2. C’è una scena con il Kitsch e Decker sulla spiaggia, dove Decker sembra Brigitte Bardot.

3. Durante lo sviluppo del film Berg è stato affascinato dalle interazioni tra le navi della Marina giapponese e le loro controparti americane, ancorate le une accanto alle altre come alleati proprio a Pearl Harbor. I modi in cui acerrimi nemici diventano amici nel film è un elemento importante sia a livello macro che micro con personaggi giapponesi che giocano un ruolo significativo.

4. Le prime interazioni con le navi aliene sono state quasi tutte girate. La produzione ha costruito un gigantesco set sull’oceano permettendone una massicia visuale su un orizzonte naturale, che assume un tono un po’ surreale grazie alla fotografia e alla onde create dalle correnti naturali.

5. Le navi aliene sono dotate anche di dispositivi di occultamento che mandano in tilt bussole, radar e altri strumenti di ricognizione, lasciando così che la Marina spari alla cieca.

6. A quanto pare Rihanna si è dimostrata un’attrice superiore al suo ex-fidanzato Chris Brown.

7. Il regista Peter Berg non ha paura del recente assalto nei cinema di film con invasioni aliene. Ha visto e gli è piaciuto World Invasion: Battle Los Angeles ed è convinto che il genere funzioni a prescindere quando è ben rappresentato.

8. Sebbene ci sia una lunga tradizione di racconti di invasioni aliene che fungono da metafora di conflitti internazionali ed elementi di imperialismo, Berg, che ha già diretto The Kingdom, ha detto che la politica non gli è mai passata per la mente durante le riprese.

9. La teoria di Stephen Hawking su pianeti abitabili (Zona Goldilock) ha fortemente influenzato lo sviluppo del film.

10. Berg spiega come il gioco da tavolo della Hasbro abbia influenzato alcune parti del film: “In realtà c’è una componente molto interessante del gioco Battaglia Navale che è, se stiamo giocando uno contro l’altro, quando si attua la chiamata casuale tipo” G8 ” e alla fine succede qualcosa! E’ ciò che accade nel film, è il passare da un nemico sconosciuto ad un nemico noto e c’è un punto in cui si scopre la corazzata… Sse io e te stiamo giocando non ho assolutamente idea di dove tu sia e improvvisamente comincio a capire dove ti trovi ed è molto soddisfacente…in un secondo mi rendo conto, ‘Oh, è lì che è! Questa è la sua strategia! E appena ho capito dove sei, che cosa devo fare? Io cerco e distruggo il più rapidamente e violentemente possibile prima che tu possa uccidermi. C’è qualcosa di intrinsecamente molto drammatico in questo“.

11. Ci sono diversi tipi di navi aliene mostrate nel film e diversi tipi di alieni.

12. Gli alieni non si nascondono nella penombra, “Siamo un film che li mette in mostra!“.

13. Berg ha già dei piani per un sequel. “Non ne ho mai fatto uno sino ad ora. Io penso sempre, ‘Lascia che prosegua!’ Io amo questi personaggi e amo questi [alieni] e mi piace il mondo da cui provengono e mi piace l’idea dei pianeti Goldilocks“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>