10 vampiri da romance

LestatandLouis

Eclipse, terzo capitolo della saga Twilight è ormai da un pò nelle sale, l’uscita estiva ne ha ulteriormente favorito la scalata ai botteghini, a contrastarlo l’unico concorrente che potrebbe rallentarne la corsa, il terzo capitolo in 3D del classico Disney-Pixar Toy Story.

A bocce ferme dando un’occhiata in giro per il web sembra sia bastata l’aggiunta di qualche combattimento e un paio di sequenze action per far lievitare in positivo più di qualche recensione, naturalmente al maschile, il che lascia un pò perplessi considerando che si accusavano le fan di Twilight di andare al cinema solo per ammirare l’esangue Pattinson o il rivale Lautner.

Insomma mentre si fa sempre più labile il confine tra stroncatura e sufficienza piena, una cosa resta certa il vampiro formato romance funziona e fa tendenza oltre che cassa, come dimostrano la saga di Twilight, il televisivo The Vampire Diaries e l’arrivo di nuovi vampiri fantasy, vedi la recente acquisizione dei diritti della serie di libri L’accademia dei vampiri.

Lo straniero che venne dal mare, recensione

2010-05-04_103757Un uomo russo di nome Yanko ( Vincent Perez) in viaggio su una nave per le americhe naufraga presso le coste della Cornovaglia a causa di una tempesta, finirà in un villaggio scambiato per un vagabondo con problemi mentali a causa della sua incapacità di comunicare in inglese, e per l’estremo disagio in cui verrà trovato dai locali.

Yanko incapace di comunicare la sua reale identità si presterà a svolgere qualche lavoro per un possidente locale che non mancherà di sfruttarlo, durante la sua permanenza l’uomo non dimenticherà la gentilezza della dolce Amy Foster (Rachel Weisz), una bella ragazza che sembra l’unica ad avergli dimostrato un minimo di gentilezza.

Almeno sino a quando anche il medico del luogo non ne intuirà provenienza ed intelligenza diventandone amico, e aiutandolo così a integrarsi nella comunità, che comunque contrasterà l’amore dell’uomo per la giovane Amy.

Marcus Nispel: remake da paura

Marcus Nispel nasce a Francoforte sul Meno (Germania) il 15 Aprile 1964, a vent’anni si trasferisce in america grazie ad una borsa di studio e lavora per un’importante azienda di marketing e pubblicità realizzando spot e videoclip musicali.

Molti gli artisti che si avvalgono del suo talento, tra gli altri Gloria Estefan e le Spice girls, i suoi lavori sono più volte nominati agti MTV Awards e Nispel ne vincerà ben quattro tra cui quello per il video di George Michael Killer/Papa was a Rolling stone.