La verità è che non gli piaci abbastanza, The Skulls – i teschi, Genghis Khan – Il conquistatore, L’importanza di chiamarsi Ernest, Amore 14, Godsend, L’anno in cui i miei genitori andarono in vacanza, stasera in tv

Si preannuncia un giovedì sera a dir poco scoppiettante, all’insegna dell’amore e dei suoi dintorni. Il palinsesto dei vari canali ha fatto le cose in grande per offrire il meglio e i telespettatori ‘malati’ di cinefilia sicuramente ringraziano.

Molti sono i film in programmazione in prima fascia e moltissime sono le pellicole alle quali andrebbe dedicato il nostro tempo per la serata che verrà.

Da dove iniziamo? Possiamo parlarvi di “Amore 14”, con un Riccardo Scamarcio sempre in forma e sempre capace di far impazzire le sue fan.

Oppure possiamo darci a qualche riflessione che mischia ironia e verità, dedicandoci alla visione de “La verità è che non gli piaci abbastanza”. Per gli amanti del buon teatro e delle sue trasposizioni cinematografiche di qualità, questa sera c’è “L’importanza di chiamarsi Ernest”.

Non manca, poi, una proposta legata al Thriller e una proposta che accontenta i gusti di coloro che amano le storie d’oriente e i grandi combattenti, rispettivamente con “The Skulls – i teschi” e “Genghis Khan – Il conquistatore”.

Ecco, dunque, tutti i film in prima serata di questo giovedì 31 gennaio 2013:

La verità è che non gli piaci abbastanza (Rai 3, 21.05)

The Skulls – i teschi (Rai 4, 21.13)

Genghis Khan – Il grande conquistatore (Rai Movie, 21.15)

L’importanza di chiamarsi Ernest (Iris, 21.05)

Amore 14 (La 5, 21.10)

Godsend (Cielo, 21.10)

L’anno in cui i miei genitori andarono in vacanza (La 7 D, 21.10)

Nascosto nel buio, recensione

La famiglia Callaway è stata devastata da un inspiegabile suicidio, David (Robert De Niro)  ha perso una moglie che amava e la piccola Emily (Dakota Fanning) un’amorevole madre, così entrambi cercheranno un luogo tranquillo e lontano dai terribili ricordi di quel tragico avvenimento trasferendosi in tranquillla cittadina fuori New York City.

David scoprirà che la morte della madre ha scatenato in Emily alcune reazioni come la creazione di un amico immaginario di nome Charlie che diverta sempre più possessivo ed  iperprotettivo verso Emily man mano che David e una psicologa cercano di scoprire la natura di questo transfert.

Quando l’immaginario Charlie comincerà a creare problemi circoscritti alla sfera affettiva della bambina con episodi di violenza che sembrano davvero impossibili da imputare alla piccola Emily, David comincerà ad indagare sino a che scoprirà che la verità è ancor più allucinante di quanto avesse teorizzato.

Godsend, recensione

godsend_ver2 []Paul e Jessie Duncan ( Greg Kinnear e Rebecca Romijn-Stamos) sono una gran bella coppia, la loro vita sembra perfetta, questo anche grazie al loro pargoletto di otto anni Adam (Cameron Bright), che i due amano alla follia e che riempie le loro vite dandogli una serenità insperata.

Purtroppo destino e tragedia sono dietro l’angolo e Adam perde accidentalmente la vita gettando nello sconforto e nella depressione la coppia, che sente come un macigno il peso del lutto, e che ne mina le certezze sino ad allora concretizzate.

E’ in questa cornice che subentra il mellifluo Dr. Richard Wells (Robert De Niro). esperto di genetica e clonazione dell’Istituto Godsend. che gli propone di clonare il loro bambino attraverso alcune cellule prelevate dal suo cadavere.