Rocketman di Dexter Fletcher, un musical stravagante che si lascia dimenticare

di Kino Commenta

Rocketman di Dexter Fletcher ti costringe a indossare un giubbotto antiproiettile per parare tutti i colpi degli adulatori, perché la sassaiola che ti arriva addosso è oggettivamente un evento possibile. Ciò che vuole essere una trasposizione della stravaganza di Reginald Kenneth Dwight su pellicola risulta essere un festino patetico e prevedibile, dal momento che l’uomo subisce l’ombra dell’artista, o meglio della sua megalomania inzuppata nell’entusiasmo ma troppo dolce per essere gradevole al gusto.

Ce lo dovevamo aspettare, forse, visto che i paragoni con il Bohemian Rhapsody di Bryan Singer sono arrivati puntuali come l’autobus all’accensione della sigaretta: Bohemian Rhapsody è un biopicRocketman è un musical celebrativo di un artista ancora vivente.

Celebrare un artista o idealizzare la sua grandezza? La seconda, in Rocketman, è la voce che echeggia di più. Taron Egerton è magistrale, e vince soprattutto nella cornice della seduta di gruppo in cui sir Elton racconta la sua vita in tutti i paragrafi del dolore, dal padre che gli nega un abbraccio con nonchalance a quell’amore/odio per il pianoforte.

Che la grandezza artistica di Elton John sia un dato di fatto lo sapevamo già, e sono forti quei momenti in cui Taron Egerton, nei panni del cantautore britannico, intona per la prima volta Your Song, ma ciò che Rocketman di Dexter Fletcher ci mostra è una storia ridicolizzata e glamour, e non abbiamo nulla contro il glamour: lo abbiamo trovato esasperato, e seppur ci voglia sale nel piatto in questo caso abbiamo assistito a uno spettacolo troppo salato.

Si poteva fare di meglio facendo meno. La storia del cinema è piena di biopic indimenticabili, e non a caso The Doors di Oliver Stone (anch’esso altamente discusso dalla critica) continua ad essere un esempio, seppur quel Val Kilmer avesse interpretato un Jim Morrison avvezzo solo al vizio e poco all’arte. Sappiamo che il Re Lucertola non era così.

Dobbiamo avere il coraggio di dirlo: non avevamo bisogno di questo film. Abbiamo ancora bisogno di Elton John.

L’Elton John di Dexter Fletcher è come uscito da un fumetto che tutti abbiamo letto e credevamo di aver dimenticato. Chi non conosce a fondo Elton John non si appassionerà a lui con il filmRocketman di Dexter Fletcher è la rockstar anti-maledetta che ancora una volta ci parla di resilienza, ma lo fa facendo ballare le persone per strada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>