Hollywood e il boom dei film sui casino negli anni ’90

di Kino 1

Focus su un trend che qualche anno fa ha fatto registrare una crescita inaspettata

I casinò sono da sempre uno degli argomenti più apprezzati all’interno di numerose pellicole, anche e soprattutto per via dell’intramontabile fascino che accompagna da sempre il gioco d’azzardo. Fin dai tempi antichi, infatti, le scommesse e i giochi d’azzardo hanno rappresentato un’attrazione incredibile per gli uomini. Hollywood, però, ha dimostrato di prendere in considerazione seriamente tale fenomeno, al punto tale da portare i casinò sul grande schermo più e più volte e con enormi successi.

film sui casino

Al giorno d’oggi, però, tale legame si sta indebolendo, anche e soprattutto per via della grande diffusione che sta caratterizzando i casinò online. Ci sono numerose piattaforme sul web, infatti, come il casino online NetBet, che stanno avendo un enorme successo, proprio in virtù della rivoluzione che hanno apportato, grazie al contemporaneo boom degli smartphone, a questo settore. Puntare e scommettere, infatti, è decisamente più semplice rispetto a qualche decennio fa. Ora, non serve più recarsi presso un casinò reale per piazzare una puntata alla roulette oppure per provare a battere il banco nel blackjack. Sì, dal momento che è sufficiente qualche tap sul proprio smartphone e, in men che non si dica, ci si trova collegati al portale in cui si può scommettere e puntare in tempo reale. Da notare come la diffusione della modalità di gioco live, disponibile su gran parte delle piattaforme, abbia quasi azzerato la differenza tra l’esperienza di gioco reale e virtuale.

Il vizio del gioco d’azzardo in “40000 dollari per non morire”

Correva il lontano anno 1974 e un film piuttosto interessante compare sulla scena: si tratta di “40000 dollari per non morire”, con James Caan che interpreta il protagonista Alex Freed. Un docente di letteratura, che viene rispettato e stimato un po’ da tutti nel suo ambiente di lavoro. Eppure, è un uomo che rischia di perdere tutto per colpa dei debiti e del suo vizio di scommettere, fino a chiedere un prestito alla madre per salvarsi. Eppure, il vizio del gioco prenderà il sopravvento ancora una volta.

Nel 1995, molto più recente dal punto di vista temporale, ecco il film “Casinò”. Un vero e proprio classico, che ha anticipato l’attuale era dei casinò sul web e a cui si può giocare tramite smartphone. Una trama in cui il protagonista, Sam Rothstein, interpretato da un ottimo Robert De Niro, è un gangster dei bassifondi di Las Vegas, una città in cui la fortuna può cambiare la vita sia facendola diventare un paradiso che un inferno.

Le proposte lanciate nel 1998

Tre anni dopo, nel 1998, arrivano altre due pellicole di spessore che riguardano il gioco d’azzardo. La prima prende il nome di Paura e delirio a Las Vegas. Una pellicola che nasce ispirandosi ad un libro di un autore famoso per far parte della beat generation e che narra l’avventura di un giornalista, Raoul Duke’s e di un avvocato, Dr Gonzo. Tra varie disavventure, si troveranno a che fare con il sogno americano, con tutti i pro e i contro del caso.

Il secondo film, invece, è “Il giocatore”: il protagonista è Mike McDermott, uno studente di giurisprudenza che riesce a proseguire gli studi grazie alla sua passione e alle somme vinte grazie al poker. Un giorno, però, la sfortuna si abbatte su di lui e Mike perde completamente i suoi soldi nella sfida contro Teddy KGB, un mafioso di origini russa. Da quel momento, sceglierà di smettere completamente, ma ci saranno degli eventi che lo porteranno a ricominciare, quasi per caso. Sempre nel 1998, il film “Il colpo – Analisi di una rapina”, mette ancora in evidenza come casinò e illegalità riescano sempre a catturare l’attenzione degli spettatori sul grande schermo.

Commenti (1)

  1. guardato più di una volta, e ciascuno https://altadefinizioneita.co/ come il primo. creato su eventi reali – sapientemente consegnato! guarda con un respiro, percepito come un libro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>