Paranormal Activity 2 Tokio Night: recensione in anteprima

di Pietro Ferraro Commenta

Haruka (Noriko Aoyama) torna da un viaggio negli States con entrambe le gambe rotte a causa di un incidente d’auto, ad accoglierla a Tokio il padre e suo fratello Koichi (Aoki Nakamura) che dovrà badare a lei per i sei mesi a venire, visto che Haruka è bloccata su una sedia a rotelle e il padre. indaffaratissimo uomo d’affari è già pronto per partire a tempo indeterminato per l’ennesimo viaggio d’affari.

I primi giorni di convivenza non trascorrono tranquilli, Haruka ha la sensazione che una presenza aleggi nella sua stanza durante le ore notturne, Koichi allora per tranquillizzarla metterà del sale nella stanza della sorella, sale che al mattino i due ragazzi troveranno disciolto.

Questo inquietante avvenimento sarà solo l’inizio di una serie di visite notturne di un’entità che sembra aggirarsi nottetempo nell’appartamento spostando oggetti, aprendo porte e provocando inquietanti rumori, visite riprese da due videocamere che Koichi ha piazzato nella sua camera e in quella della sorella.

Dopo aver tentato di scacciare l’entità maligna facendo purificare l’appartamento da un sacerdote, i due si troveranno di fronte ad un’escalation violenta che culminerà con l’aggressione di Haruka e l’intensificarsi delle attività notturne dell’inquietante presenza.

Paranormal Acrivity 2: Tokio Night è quello che si definisce un istant-remake, un’operazione analoga era stata fatta recentemente con l’americano Quarantena ispirato all’horror ispanico Rec, il regista Toshikazu Nagae segue passo passo il Paranormal Activity di Oren Peli con qualche piccola variazione sul tema, un collegamento con la trama statunitense e un finale che naturalmente vira sul J-horror.

Questo remake nipponico è all’altezza dell’originale controparte americana e nettamente superiore al mediocre Paranormal Activity 2 statunitense, il discorso su questa serie è il medesimo che abbiamo fatto quando uscì il film di Oren Peli, evitare di fruire queste pellicole in sala, il grande schermo è dispersivo, se possibile visionarlo in originale, il doppiaggio se pur professionale appiattisce e snatura dialoghi e recitazione, insomma nel complesso un buon prodotto per una più consona ed efficace visione casalinga, sempre sia chiaro ne apprezziate il formato.

Uscita diretta in DVD: dal 6 luglio 2011 a noleggio/dal 3 agosto 2011 in vendita

Note di produzione: il film è stato girato in contemporanea con il Paranormal Activity 2 americano, Aoki Nakamura (Koichi) ha recitato nel live-action del manga Boys Estè e per il tv-movie Perfect Blue tratto dall’omonimo romanzo di Miyuki Miyabe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>