En duva satt på en gren och funderade på tillvaron: il Leone D’Oro di Venezia 71

di Redazione Commenta

“En duva satt på en gren och funderade på tillvaron” (A Pigeon Sat on a Branch Reflecting on Existence) di Roy Andersson è il film vincitore del Lene D’Oro della 71esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

Il film racconta di un venditore e un ritardato mentale che intraprendono un viaggio in un non precisato paesaggio occidentale. Un percorso fatto di incontri e situazioni inaspettate, che diventano strumento per offrire un punto di vista originale sulla società attuale, caratterizzata dalla supremazia della vanità.

Questo il commento del regista:

En duva satt på en gren och funderade på tillvaron consiste in una serie di storie quotidiane e fuori del comune che ritraggono la nostra esistenza nella sua grandiosità e nella sua meschinità, nella bellezza e nella tragedia, nell’esagerazione e nella tristezza: in una prospettiva aerea, come raccontate da un uccello che rifletta sulla condizione umana. Il piccione è stupito dagli uomini: dalle loro attività, dalle follie, dall’orgoglio e dall’agitazione, cui cerca di dare un senso e che tenta di capire. Con la “Trilogia vivente“, di cui En duva satt på en gren och funderade på tillvaron costituisce il terzo capitolo, miro a creare una tensione fra il banale e l’essenziale, fra il comico e il tragico, per illustrare la natura dialettica e dinamica dell’esistenza dando forma all’idea che l’umanità si stia potenzialmente dirigendo verso l’apocalisse, ma anche che il risultato finale è nelle nostre mani.

Ecco il trailer del film

Ecco le foto dal film

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>