Drive, spettatrice fa causa ai produttori del film

di Pietro Ferraro Commenta

Il sito Beyond Hollywood riporta una notizia alquanto curiosa in cui sembra che una spettatrice americana furiosa e insoddisfatta, dopo la visione del film Drive di Nicolas Winding Refn con Ryan Gosling protagonista abbia deciso di intentare causa ai produttori del film e al gestore del cinema, accusando entrambi di aver prodotto/proiettato/pubblicizzato una pellicola violenta e antisemita spacciandola per una sorta di Fast and Furious.

Sarah Deming residente nello stato del Michigan, questa l’identità della spettatrice accusa il film di razzismo estremo, gratuito e disumanizzante diretto a membri della fede ebraica atto a promuovere violenza e crimini contro questi ultimi.

Come parte della sua causa, Deming ha impugnato il Michigan Consumer Protection Act che tutela i consumatori/spettatori da trailer fuorvianti ed ingannatori. La Deming dopo aver chiesto in principio solo il rimborso del suo biglietto, ha poi affermato di voler avviare una azione legale collettiva a livello nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>