30 days of night: Dark days, recensione in anteprima

Dieci mesi sono passati dal massacro della cittadina di Barrow che ha visto un centinaio di persone trucidate da una tribù di vampiri che approfittando della lunga notte che ogni anno avvolge l’Alaska, ha messo sotto assedio un manipolo di superstiti guidati dallo sceriffo Eben Oleson e da sua moglie Stella.

Stella (Kiele Sanchez) dopo il sacrificio del marito che trasformatosi in vampiro ha permesso alla moglie di salvarsi, per poi lasciarsi morire tra le braccia di quest’ultima di fronte ad una liberatoria alba, non  ha preferito dimenticare  come hanno fatto in molti ed ha girato per gli States tenendo conferenze e provando a raccontare la sua verità.

Derisa da molti e considerata una pazza farneticante dalle autorità Stella incontrerà un gruppo di sopravvissuti come lei che hanno perso i propri familiari a causa dei vampiri, ed è in questo manipolo di cacciatori che Stella troverà un motivo per continuare la propria lotta passando dalla teoria ai fatti, pronta ad affrontare Lilith (Mia Kirshner) la regina-vampiro a capo della tribù che ha assalito la sua cittadina e causato la morte del marito, che è di nuovo pronta a salpare con una nave per altri trenta giorni di efferata baldoria.

30 giorni di buio, recensione

thirty_days_of_night_ver6

Alaska, la piccola cittadina di Barrow sta per affrontare un mese di oscurità, un appuntamento con cadenza annuale che alcuni dei cittadini affrontano stoicamente, mentre altri, viste anche le temperature proibitive, preferiscono trascorrere altrove, per tornare quando il sole spunterà di nuovo a dare un pò di colore al desolante paesaggio ghiacciato.

Quest’anno però Barrow, e i cittadini che hanno deciso di rimanere, riceveranno  un’inaspettata visita, qualcuno o meglio qualcosa ha deciso di sfruttare questa lunghissima nottata per pasteggiare, si tratta di un branco di famelici vampiri che decideranno di fare un pò di provviste, dissanguando e massacrando i pochi cittadini rimasti.

Toccherà allo sceriffo Ben Oleson (Josh Hartnett) e a sua moglie Stella (Melissa George) resistere all’assedio del branco di letali predatori, che non ha intenzione di lasciare alcun superstite, ma l’alba è troppo lontana e gli uomini al fianco di Oleson troppo spaventati, increduli e spiazzati dall’orrore piombatogli addosso, per aiutarlo in nua missione all’apparenza impossibile:  sopravvivere.

Triangle, trailer internazionale del film con Melissa George

triangle

Prossimamente (ancora non è stata comunicata la data d’uscita ufficiale) arriverà al cinema Triangle, il film diretto da Christopher Smith, con Melissa George e Liam Hemsworth.

Il thriller narra la storia di un gruppo di passeggeri che durante un viaggio sull’oceano Atlantico, causa maltempo, salgono su un’altra barca, la Triangle dove capiteranno imprevisti a dir poco spiacevoli e situazioni che si ripetono.