E ora parliamo di Kevin, recensione

Eva (Tilda Swinton) è una madre di famiglia che ha visto il suo mondo andare lenatmente in frantumi dopo la nascita del suo primo figlio Kevin (Ezra Miller), che si è dimostrato prima un bambino difficile e in seguito un adolescente tormentato e afflitto da evidenti sintomi di sociopatia. Franklin (John C. Reilly) il marito di Eva non supporta abbastanza la moglie nei momenti di maggiore difficoltà, vedi il difficilissimo periodo post-parto, per poi minimizzare lo strano comportamento del ragazzo che arriva a sfruttare le debolezze della madre come forma di ricatto emotivo, comportamento che con la nascita della sorellina Celia (Ashley Gerasimovich) si acuirà sino a deflagrare in una apoteosi di violenza e follia, il cui prezzo da pagare sconfinerà oltre le mura casalinghe con una forza distruttiva che conterà diverse vittime.

Al cinema dal 17 febbraio 2012: War Horse, Paradiso Amaro, Jack e Jill, ATM, E ora parliamo di Kevin, In Time

Questa settimana usciranno al cinema sei nuovi film, che dovrebbero essere in grado di accontentare tutti gli spettatori (eccezion fatta per coloro che amano le produzioni italiane, che dovranno ripiegare sui film già in circolazione). Tra i titoli spiccano i due candidati agli oscar 2012 come miglior film Paradiso Amaro di Alexander Payne con George Clooney e War Horse di Steven Spielberg. Gli altri quattro film sono il thriller ATM Trappola mortale, la commedia brillante con Adam Sandler Jack e Jill, il drammatico E ora parliamo di Kevin e il fantascientifico In time.

…E ora parliamo di Kevin: trailer italiano

E’ online il trailer italiano di We Need to Talk Abaout Kevin, il drammatico diretto da Lynne Ramsay, interpretato da John C. Reilly, Tilda Swinton, Ezra Miller, Siobhan Fallon, Joseph Melendez, Ashley Gerasimovich, Suzette Gunn, che in Italia uscirà a febbraio con il nome di … E ora parliamo di Kevin. Il film, tratto dall’omonimo romanzo di Lionel Shriver, racconta il dolore della madre di un ragazzo adolescente che ha ucciso in una scuola superiore in un momento di follia omicida, attraverso le lettere che lei scrive al suo ex marito.