Le avventure del topino Despereaux: esce in Inghilterra e America il cartoon di natale

di Pietro Ferraro Commenta

Dopo Stuart Little, il Topolino sotto sfratto di Verbinski e Ratatouille il ratto chef della Disney , ecco Despereaux un nuovo compagno d’avventure per i più piccoli, ma che strizza l’occhio anche ai papà e alle mamme che giocoforza dovranno accontentare la prole e tornare per un paio d’ore un pò bambini.

Despereaux è un grazioso topolino dotato di una spiccata intelligenza, che però invece che aiutarlo lo fa finire spesso e volentieri nei guai. Queste sue innate capacità intellettive vanno purtroppo, di pari passo con una certa audacia e spericolatezza che lo portano a vivere molte avventure/disavventure, una di queste lo porterà al cospetto nientemeno che di una principessa. La sfrontatezza del topino nel rivolgere la parola alla regal pulzella lo farà spedire in prigione e tra le grinfie di alcuni ratti poco raccomandabili, e il piccolino dovrà usare tutta la sua furbizia per sopravvivere e riguadagnare al libertà.

Questo gioiellino di tecnica diretto dal terzetto  Sam Fell, Gary Ross e Robert Stevenhagen, utilizza la moderna tecnologia del 3D miscelandola con disegni, personaggi e ambientazioni che strizzano l’occhio ad un certo stile retrò, tipico di una certa animazione tradizionale di stampo squisitamente europeo.

Una sfilza di nomi noti hanno prestato la voce al variopinto cast di questo cartoon, tra di loro Matthew broderick, Dustin Hoffman, Sigourney Weaver, Kevin Kline, ed Emma Watson.

Le avventure di Despereaux è una coproduzione anglo-americana, la tecnica dell’animazione digitale americana incontra lo stile classico e d’autore  del cartoon europeo, un racconto di formazione in una confezione fiabesca, ed un tenerissimo protagonista, tutti gli ingredienti per un successo annunciato. L’uscita in Italia è prevista per Aprile 2009.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>